Area riservata

Home Tax & Media "Svolta mondiale" sull'evasione internazionale?
"Svolta mondiale" sull'evasione internazionale? PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   

Tutti i giornali diventano rapidamente carta straccia, ma sul fisco il giornale di confindustria è l'unico che è già carta straccia al momento di andare in edicola. La stampa è libera , ma deve essere vincolata alla propria funzione. Nessuno pretende dalla stampa una attività "formativa" , un surrogato di quella in cui l'accademia ha fallito , e dove 

non ci sono piani B , soluzioni di ripiego rispetto alla costituzione di un gruppo di pensatori che faccia da punto di riferimento. Dalla stampa che si autoqualifica  "specialistica", vorremmo qualcosa di più delle banalità da scompartimento ferroviario cui ci ha abituato il sole 24 ore. La grossolanità delle categorie concettuali usate dal paginone di oggi, con un titolone urlato "svolta mondiale contro l'evasione" da cui si capisce che gli  autori non sanno neppure di che parlano, non si sono mai chiesti  come possano  funzionare gli scambi di informazioni con l'estero, non si sono minimamente ricordati  delle controversie degli stati uniti con la svizzera  , se sentono parlare di "spedizioni di pesca" pensano alle trote. Nel paginone di oggi non c'è alcun riferimento a come le banche estere possono agevolare l'evasione, alla differenza tra evasione del capitale , evasione degli interessi... E' questa la condanna della stampa, come una enorme fatica di Sisifo, ogni  giorno portare un macigno in cima al monte, che poi ricade giù ...e così all'infinito...provate a prendere un ventiquattrore di  vent'anni fa ...sembrerebbe scritto ieri!  In questo modo non solo si finge di fare informazione parlando del nulla, ma si  fa confusione, perchè manca una linea di fondo, non si è capita la tassazione attraverso le aziende, ed è paradossale dal giornale delle aziende...che imposta le sua analisi con le chiavi  di lettura banalizzanti degli onesti  e dei disonesti, degli  evasori cattivi e della tutela del contribuente,  senza capire che impostata la questione in questo modo , l'azienda è cattiva per definizione...ma perchè neppure le aziende capiscono le aziende? Deve essere un riflesso della carenza di formazione sociale, che non può essere rimpiazzata dall'informazione specie nella misura in cui  ci  si occupa di riempire le pagine e fare sensazionalismo. 

 

 

Copyright © 2011 www.giustiziafiscale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web

Questo sito utilizza i cookie. Se desideri maggiori informazioni e come controllarne l'abilitazione tramite impostazioni del browser visita la nostra Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro utilizzo.