Area riservata

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi

 19 visitatori e 2 utenti online

I siti della fondazione studi tributari

Questo sito si dirige alle classi dirigenti e agli  opinion makers interessati alla tassazione, mentre per gli operatori del settore  fondazionestuditributari.com

Sugli aspetti giuridici dell'organizzazione sociale in genere http://organizzazionesociale.com/

Home Tasse tra politica e tecnica Incostituzionale tagliare gli stipendi pubblici?
Incostituzionale tagliare gli stipendi pubblici? PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   
In materia tributaria abbiamo incomprensioni, lacune e danni cerebrali ben maggiori, indotti dall'appiattimento  sulla "documentazione". Stare a discutere della nozione di tributo sembra quindi un lusso, anche perchè non serve una nozione di tributo  

per discutere sui tributi principali (anche senza una nozione di ortaggio so che il pomodoro è tale!). Però la sentenza 223-2012 della corte costituzionale  è preoccupante perchè limita la possibilità di ridurre lespese pubbliche per stipendi. Essa contiene affermazioni di cui si potranno fare in futuro applicazioni molto più vaste. In Grecia sono  stati tagliati tutti gli  stipendi pubblici del 20 percento o anche di più. Certo che sono stati ridotti solo per i pubblici dipendenti, perchè essi gravano direttamente sul bilancio pubblico. I dipendenti pubblici , infatti, non solo "pagano le imposte" , ma anche "prendono  le imposte", vivono di imposte e se queste non bastano di debito pubblico. I dipendenti pubblici non sono  del tutto identici a quelli privati. Questi ultimi possono essere tassati quanto si vuole, ma si  guadagnano la propria remunerazione "sul mercato" , presso i clienti, essendo quindi fuori dal sistema di finanza pubblica. La sentenza della corte è pericolosa perchè confonde tra "riduzione di spesa" e "aumento di entrata". Ad esempio stati anche ridotti ex lege, da noi, i canoni  di locazione di immobili locati a enti pubblici. E' un tributo anche quello? Vorremmo proprio vedere come deciderà la corte quanto le si porrà un analogo quesito. E  poi specioso l'argomento secondo  cui se è un taglio stipendiale deve essere deciso dai singoli enti i quali devono trattenerlo nel loro bilancio: sono tutti enti che vivono di trasferimenti statali...lo stato avrebbe potuto lasciargli quello stanziamento  di bilancio e decurtargliene un altro ...anche l'argomento sulle pensioni , su cui hanno fatto leva, è un argomento del tutto secondario, tra l'altro adottato per semplicità a favore degli interessati...Considerare la riduzione ex lege di spesa come  tributo rende ancora più difficile il governo  della finanza pubblica. Ci faremo un articolo  sul prossimo numero di dialoghi, intanto ecco che ne pensa Libero, sbagliando a proposito  dei giudici, perchè secondo me la sentenza è presa in buona fede, senza una consapevolezza di un potenziale conflitto di interessi.

CASTA INTOCCABILE

I giudici non tagliano gli stipendi ai giudici "E' discriminatorio"

La Corte Costituzionale boccia il decreto che prevedeva anche il taglio delle retribuzioni dei manager pubblici

11/10/2012

Intoccabili gli stipendi dei giudici Chi lo ha deciso? I giudici

Qual è il tuo stato d'animo?

Triste

1

Stupito

1

Allegro

12

Arrabbiato

1064

Giù le mani dagli stipendi dei giudici. Parola di giudici. Anche le mega-retribuzioni dei manager pubblici non si possono toccare. La Corte Costituzione ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del decreto legge, convertto nel luglio del 2010 in legge, che prevedeva il taglio agli stipendi superiori i 90.000 euro lordi  annui, nonchè la mancata erogazione di acconti, conguagli e   indennità speciali per il personale di magistratura. Insomma i tagli  dei manager che guadagnano più di 90mila euro sono incostituzionali. Per quanto riguarda i magistrati, la Consulta ha bocciato anche il comma 22 dello stesso articolo, dove dispone che non siano erogati, "senza possibilità di recupero, gli acconti degli anni 2011, 2012 e 2013 ed il conguaglio del triennio 2010-2012". E che "per il triennio 2013-2015 l'acconto spettante per il 2014 è pari alla misura già prevista per l'anno 2010 e il conguaglio per l'anno 2015 viene determinato con riferimento agli anni 2009, 2010 e 2014". La Consulta, in particolare boccia l’articolo 9, nella parte in cui dispone che a decorrere dal primogennaio 2011 e sino al 31 dicembre 2013 "i trattamenti economici complessivi dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, previsti dai rispettivi ordinamenti, delle amministrazioni pubbliche, siano ridotti del 5% per la parte eccedente il predetto importo fino a 150.000 euro, nonchè del 10% per la parte eccedente 150.000 euro". Per la Corte, "il tributo imposto determina un irragionevole effetto discriminatorio". 

La spiegazione Secondo la Corte, "il meccanismo di adeguamento delle retribuzioni dei magistrati può a certe condizioni essere sottoposto per legge a limitazioni, in particolare quando gli interventi che incidono su di esso siano collocati in un quadro di analoghi sacrifici imposti sia al pubblico impiego sia a tutti i cittadini". Ma nel caso della "manovra" di due anni fa, "i limiti tracciati dalla giurisprudenza di questa Corte risultano irragionevolmente oltrepassati". In particolare, in relazione al conguaglio del 2012 "l'intervento per il solo personale della magistratura eccede l'obiettivo di realizzare un raffreddamento della dinamica retributiva e ha, invece, comportato una vera e propria irragionevole riduzione di quanto già riconosciuto". Secondo la Consulta si viene a realizzare, "una ingiustificata disparità di trattamento fra la categoria dei magistrati e quella del pubblico impiego contrattualizzato, che, diversamente dal primo, vede limitata la possibilità di contrattazione soltanto per un triennio".  In sostanza - conclude la sentenza - "l'intervento normativo censurato, oltre a superare i limiti costituzionali indicati dalla giurisprudenza di questa Corte, che collocava in ambito estremo una misura incidente su un solo anno, travalica l'effetto finanziario voluto, trasformando un meccanismo di guarentigia in motivo di irragionevole discriminazione. In definitiva, la disciplina censurata eccede i limiti del raffreddamento delle dinamiche retributive, in danno di una sola categoria di pubblici dipendenti"

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2011 www.giustiziafiscale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web

Questo sito utilizza i cookie. Se desideri maggiori informazioni e come controllarne l'abilitazione tramite impostazioni del browser visita la nostra Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro utilizzo.