Area riservata

Home Leggende metropolitane Dipendenti più ricchi degli imprenditori: una importante "non notizia"
Dipendenti più ricchi degli imprenditori: una importante "non notizia" PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   

Nulla fa più notizia di una "non notizia". In un certo senso è bene che sia così,  perchè la notizia è "effimera" , contingente , mentre la "non notizia" è strutturale, travalica "l'informazione", e si affaccia nel grande buco

nero culturale di questo paese, cioè la formazione economico-politico-sociale  . La "non notizia" è insomma un'occasione per fare formazione attraverso l'informazione, ricordando nel nostro caso che gli "imprenditori", apparentemente più poveri dei dipendenti, non sono i "padroni del vapore", i Barilla e i Ferrero, ma neppure i  titolari delle fabbrichette, dei supermercati e degli alberghi. Sono  infatti imprenditori fiscali anche i barbieri, i tassisti, i fruttivendoli pakistani, i venditori ambulanti. E' questo l'equivoco, che sfalsa il confronto, e ci richiama all'assenza in Italia, di una definizione condivisa di impresa, che ci metta in condizione di sapere di chi stiamo parlando. Si accumulano gli equivoci e non si riesce neppure a dialogare. Personalmente io sto provando a fare un pò di chiarezza con questi libri  http://didattica.uniroma2.it/files/index/insegnamento/146878-Diritto-Tributario però farsi strada nella confusione è complicato. Per favore cercate di capire che non stiamo parlando di imprenditori , ma di lavoratori indipendenti, compreso il vu cumprà che passa sulla spiaggia, che pure l'istat classifica come "azienda monoaddetto". Siccome era difficile trovare una linea distintiva tra dove finisce il lavoro indipendente e dove comincia l'azienda , tutti i lavoratori indipendenti sono stati trasformati in "Imprenditori". Per semplicità si è complicata la discussione, facendo todos caballeros anche se fanno ancora i tassisti, gli imbianchini, i venditori ambulanti. Quindi se vostra figlia torna a casa dicendo di essere fidanzata con un imprenditore, non stappate subito lo champagne...potrebbe essere lo spazzacamino. Mentre paradossalmente i Barilla e i Ferrero, gli Squinzi e i Bombassei fiscalmente neppure sono imprenditori, perchè imprenditori sono le loro società. Bizzarre differenze tra realtà effettiva e realtà legale!

Commenti

Per postare commenti o rispondere è necessario loggarsi.
 

Copyright © 2011 www.giustiziafiscale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web

Questo sito utilizza i cookie. Se desideri maggiori informazioni e come controllarne l'abilitazione tramite impostazioni del browser visita la nostra Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro utilizzo.